Bambini alla finestra, modi per applicare la PP in famiglia

3 modi per applicare la Psicologia Positiva in famiglia

In questo articolo ti spiego 3 modi per applicare la psicologia positiva in famiglia, con i bambini.
La psicologia positiva trova applicazione infatti anche in ambito educativo.

Ecco che cosa ho fatto io a casa con i miei bambini.

1) La scatola dei ricordi belli

Scatole in legno, scatola dei ricordi belli, psicologia positiva in famiglia

Cos’è?

Una scatola nella quale i bambini possano riporre oggetti medio piccoli ai quali associano dei bei ricordi. 

 

A cosa serve?

Serve a rievocare emozioni positive provate in passato. 

Quanto più frequentemente proviamo emozioni positive, tanto meglio ci sentiamo! E questo ovviamente vale anche per i bambini.

Sai quanto importanti sono le emozioni positive per il tuo benessere? Te ne parlo in questo articolo: Emozioni Positive: quale effetto hanno sulla salute

Come ho implementato questa idea

Ho parlato ai bambini di questa idea, poi insieme siamo andati a prendere nel negozio di fai da te una scatola in legno con coperchio, una ciascuno, grande abbastanza per contenere oggetti di medie dimensioni. 

Io ho preso scatole di dimensioni 30x40x23, ma puoi usare qualsiasi altro tipo di dimensione o materiale, a tuo piacimento.

I miei bimbi poi le hanno personalizzate con i loro nome e con dei disegni e si sono divertiti molto.

Le scatole pian piano si riempiono, ad esempio con il biglietto di un musical che è piaciuto moltissimo, delle fotografie, dei piccoli oggetti come una pietra simbolica ricevuta in regalo in un giorno speciale.

2) Riconosci questa emozione?

Cos’è?

Mostro ai bambini delle foto in cui sono rappresentate diverse espressioni facciali e chiedo loro quale emozione secondo loro è rappresentata.

A cosa serve?

Questo è un metodo utilissimo per aiutare i bambini a riconoscere le emozioni in se stessi ed in altri, è un qualcosa di fondamentale per aiutarli a sviluppare la loro Intelligenza Emozionale. 

Come ho implementato questa idea

Ho acquistato un set di carte apposite (nel mio set sono 30) e glielo ho presentato come un gioco nuovo da fare insieme.
Estraggo una sola carta alla volta, la presento e faccio queste domande:
Che emozione credi che stia provando questa persona?
A te quando è capitato di sentirti così?
Che sensazioni hai provato nel tuo corpo? 
Perché pensi che il bambino nella foto si senta così?

3) Le 3 cose belle della giornata

Photo by Kelly Sikkema on Unsplash

Cos’è?

Ognuno scrive su un foglietto 3 cose che sono piaciute durante la giornata, rispondendo a queste domande:
*   cosa c’è stato oggi di bello?
*   perché è stato bello, quale è stato il mio contributo nel rendere bella la situazione?

A cosa serve?

Questo è un intervento classico della Psicologia Positiva, i cui effetti benefici sono comprovati già da diversi anni.
Il riflettere su che cosa è andato bene durante la giornata ti porta a rielaborare l’emozione positiva e a riviverla.
Ma non solo. Il chiederti quale sia stato il tuo contributo nel rendere bella la situazione ti aiuta a renderti conto di quanto tu stesso possa essere autoefficace.
Ti rende consapevole di quanto, spesso, la possibilità di generare emozioni positive sia nelle tue stesse mani.

Come ho implementato questa idea

Ho preparato una scatola e dei foglietti e ho instaurato un nuovo rito.
Ogni sera subito dopo cena ognuno scrive il foglietto con i suoi punti e li butta nella scatola.
I foglietti si accumulano col tempo e chi vuole, quando vuole, ne può rileggere qualcuno, andando a ricordarsi e quindi rigenerando emozioni positive e sentendosi anche un pò orgoglioso delle proprie azioni.